Sovana a Roma per il programma degli eventi dell’anno Matildiano

Conferenza stampa a Roma, Sovana presente per nel nome di Gregorio VII per una serie di eventi che si svolgeranno a Maggio a Sovana

“Il percorso di eventi in nome di Matilde di Canossa, figura storica di grandissimo interesse e fascino, è l’occasione anche per una grande operazione di marketing culturale e turistico”. Lo ha detto il sottosegretario al Ministero dei Beni Culturali Ilaria Borletti Buitoni, presentando a Roma, alla Camera dei Deputati, il programma delle manifestazioni per il novecentesimo anniversario della morte di Matilde di Canossa (1115-2015) alla presenza di una rappresentanza di amministratori dei Comuni che fanno parte del protocollo nazionale per l’anno Matildiano. Tra gli altri era presente il Vicesindaco e Assessore alla Cultura del Comune di Sorano, Pierandrea Vanni. Sorano è fra i Comuni promotori in quanto Sovana è la patria di Papa Gregorio VII, protagonista con Matilde di Canossa di alcune fondamentali pagine di storia.

E Sovana sarà sede di alcune delle iniziative a carattere nazionale presentate dal sottosegretario. In particolare, promossi dal Comune di Sorano, ospiterà il 24 e 25 di maggio una serie di eventi fra i quali un convegno sul tema “Ildebrando da Sovana e Matilde di Canossa: due grandi protagonisti nella lotta fra Chiesa e Impero” e la mostra fotografica realizzata in collaborazione con il fotografo Cesare Moroni dal titolo “L’attualità di due grandi del Medioevo”.
Inoltre è previsto il 25 maggio, in occasione della Festa di San Gregorio VII, il ritrovo a Sovana delle delegazioni dei Comuni Matildiani che poi parteciperanno alla Messa solenne nel Duomo.
Sempre a maggio l’Associazione Sovana Aperta organizzerà una mostra documentaria dal titolo “Il Culto di San Gregorio VII a Sovana”.
Il sottosegretario Borletti Buitoni ha poi sottolineato che <l’itinerario che avete realizzato con le manifestazioni per Matilde di Canossa e che si caratterizza per la qualità e la diversità delle offerte in quanto abbraccia borghi, città, castelli, conventi, ambiente, territori, storia, cultura, produzioni tipiche locali ed enogastronomia,rappresenta un modello che assume particolare importanza anche alla luce di Expo
Alla Conferenza stampa di Roma erano presenti anche i sindaci di San Benedetto Po e Quattro Castella, la vice presidente della Provincia di Mantova, il vice sindaco di Canossa, l’assessore del comune di Quattro Castella Danilo Morini, coordinatore del protocollo nazionale e l’onorevole Antonella Incerti, primo firmatario di una proposta di legge a sostegno dell’anno Matildiano.